MEDICINA PSICOSOMATICA

Le malattie psicosomatiche si sviluppano quando un sintomo di génesi psicologica si fissa su un organo e/o su un apparato, quasi sempre in maniera non consapevole; infatti il termine semeiotico coniato per questa specifica tipologia patologica è: alexitimia che, letteralmente, significa: emozione repressa senza capacità di esplicitazione verbale.

Il soggetto psicosomatico soffre moltissimo e gli altri intorno a lui – Personale Sanitario incluso - non riescono a comprenderne la ragione. Se non s'interviene con tempestività e appropriatezza, i sintomi aggrediscono lentamente l'organo bersaglio fino all'instaurarsi di una malattia organica vera e propria (processo di conversione).

Non è stato ancora svelato dalla scienza il motivo per cui un sintomo – simile a una goccia d'acqua che scava nella pietra – riesca a superare l'attitudine naturale ìnsito in ogni soggetto di resistere a qualsiasi malattia, per mezzo del proprio sistema immunitario. Chi ne soffre, di norma, presenta al terapeuta i suoi disordini fisici che non hanno trovato riscontro diagnostico nelle indagini cliniche laboratoristiche e per imaging.

Nel setting psicoterapeutico, il Professionista esperto e preparato non si limita a sollevare la persona dalla sofferenza, ma se ne prende completamente cura, fino al ripristino completo dello stato di benessere.